Huawei-Voicewise sperimentano diagnosi Covid-19 tramite voce

epa06269520 An attendee tries out the new Huawei Mate 10 Pro during the official launch event for the Huawei Mate 10 smartphone series in Munich, southern Germany, 16 October 2017. The chinese manufacturer's new offering is aimed at the luxury market. EPA/PHILIPP GUELLAND
Share

Si identifica l’infezione grazie all’intelligenza artificiale

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Huawei.jpg

Huawei e Voicewise, spin-off dell’Università di Roma Tor Vergata, hanno avviato il progetto pilota di ricerca dei biomarcatori della voce per l’infezione da Covid-19 tramite l’intelligenza artificiale. Lo studio clinico – si legge in una nota – nasce con l’obiettivo di verificare la possibilità di identificare l’infezione Covid-19 attraverso l’analisi di campioni di voce, mediante algoritmi di intelligenza artificiale sviluppati da Voicewise. Tale analisi è volta anche a “misurare” il livello di gravità dell’infezione oltre che a monitorarne il decorso, anche nella fase di guarigione successiva alla dimissione dall’ospedale o nei pazienti in isolamento domiciliare.

La sperimentazione clinica per diagnosticare e monitorare l’infezione è stata attivata all’Ospedale dei Castelli di Roma, al Parco Tecnologico Technoscience di Latina e al Policlinico Fondazione San Matteo di Pavia.

A sostegno del progetto, Huawei Italia ha fornito i dispositivi mobili necessari per la sperimentazione. Gli smartphone e i tablet Huawei sono infatti gli strumenti per permettere, attraverso l’utilizzo della web app sviluppata da Voicewise, di registrare e acquisire le voci dei pazienti nei reparti Covid in modo agile e da remoto, eliminando ogni rischio di contatto con il paziente.


ANSA

Share
Share