Tesla annuncia il richiamo di 123 mila vetture Model S

Share

Tesla ha annunciato che richiamerà volontariamente 123 mila vetture modello Model S costruite prima del 2016. Il costruttore di auto elettriche ha inviato una mail ai proprietari dei mezzi segnalando che è stata osservata una corrosione eccessiva dei bulloni del servosterzo, questo però solo in aree con climi molto freddi. Tuttavia, il gruppo ha deciso di richiamare tutti i veicoli potenzialmente interessati dal fenomeno in modo preventivo, per effettuare riparazioni. Nessun incidente è stato segnalato e nessuno è rimasto ferito in seguito alla corrosione, ha precisato Tesla, spiegando che l’intervento su ogni Model S dovrebbe durare circa un’ora. La vicenda del ritiro si va ad aggiungere ad altre questioni che in questo periodo interessano la società fondata nel 2003 da Elon Musk. Il regolatore statunitense dei trasporti, l’Ntsb, ha aperto martedì una inchiesta in seguito a un incidente mortale che ha coinvolto una vettura Tesla a Mountain View, in California. L’indagine si concentrerà in particolare sul sistema Autopilot, che consente di effettuare un certo numero di manovre senza l’intervento del conducente. Inoltre, l’azienda sta riscontrando problemi nella produzione della Model 3, il nuovo veicolo entry-level destinato a spianare la strada alla produzione di massa. L’agenzia di rating Moody’s ha poi abbassato questa settimana il giudizio sul gruppo, al quale è inoltre assegnato un outlook “negativo”. A Wall Street, il titolo Tesla ha infine perso oltre il 20% in un mese.

La Stampa

Share
Share