Le invitava in ristoranti esclusivi, poi scappava lasciandole con il conto salato in mano

Share

L’uomo rischia fino a sedici anni di carcere: dodici le donne ingannate dal don Giovanni disonesto

Prima le corteggiava, poi le portava nei locali più esclusivi della città. A fine cena, però, con una scusa qualsiasi si allontanava lasciando la donna col conto in mano salatissimo. È successo in California e il nostro “eroe” è Paul Guadalupe Gonzalez. L’uomo, però, dopo aver imbrogliato molte donne, è stato individuato e arrestato. Su di lui pendono ben dodici capi di accusa, che vanno dall’estorsione al furto passando per la frode.  Un giudice di Pasadena, in California, sta ascoltando le testimonianze delle donne ingannate. In molte decisamente arrabbiate, oltre che imbarazzate dalla situazione a dir poco antipatica. Era attraverso i siti di incontri che Gonzalez  trovava le sue vittime. “Sei mia ospite, ti prego, ordina quel che vuoi”, diceva l’uomo alle donne, una volta seduti negli esclusi ristoranti. Ma era lui stesso a darsi da fare, scegliendo cibi super costosi. Aragoste, bistecche, vini pregiati, caviale. E è una delle tante vittime, Martha Barba, a rivelare che lui “ordinava tutto quel che poteva”. Poi si alzava e utilizzava quasi sempre la solita tecnica: “Scusa, faccio una telefonata”. Poi puff, scompariva nel nulla. Ovviamente, le donne non potevano a quel punto non pagare il conto che veniva loro consegnato. Si rassegnavano e sborsavano i quattrini, col fumo che usciva dalle orecchie.  Addirittura qualcuna – sempre Martha Barba – ha rivelato che per saldare il salatissimo conto dell’esclusivo ristorante dove Gonzalez l’aveva portata le è toccato prelevare la somma dai risparmi messi da parte per pagare l’affitto. Ma la sua storia è ancora più assurda: “Nemmeno mi piaceva Gonzalez. Ci erevamo incontrati in un ristorante economico della catena Chipotle, ma lui aveva insistito per spostarsi in un locale di lusso. Ho accettato perché non volevo essere sgarbata”. Un’altra “vittima”, Yolanda Lora ha raccontato che l’uomo l’ha portata in un ristorante giapponese, dove ha ordinato tantissimo sushi: “Mangiava velocissimo”, ha rivelato la donna. Ma non contento, “in breve tempo ha bevuto due bicchieri di vino molto pregiato”. Poi, ancora e ancora, la solita scena: il furbetto si alza, e dice “devo fare una telefonata, tu intanto ordina il dolce”. Dileguato. Non una, né due, ma ben dodici le donne ingannate col trucchetto. In un paio di occasioni, è stato il ristorante a rendersi conto di quanto stava accadendo, arrivando ad offrire la cena alle donne. Ora Gonzalez rischia fino a sedici anni di carcere. Questo perché è stato accertato che l’uomo avesse circuito e ingannato le donne. Secondo il procuratore, l’uomo “ha sistemato le cose in modo che un’altra persona fosse accusata del suo crimine. Una vera estorsione”. Ovviamente tutte le donne hanno denunciato l’uomo.

TPI

 

 

Share
Share