Saliscendi / LaVerità

Share

di Cesare Lanza per LaVerità

.,

Salvatore Cordileone

Sulla pedofilia nella Chiesa, il silenzio del Papa appare sempre più indifendibile. L’arcivescovo di San Francisco Cordileone (nomen omeri) interviene con coraggio a sostegno di monsignor Carlo Maria Viganò: «Non ha agito per vendetta, la sua testimonianza è credibile». Se Francesco era al corrente degli abusi dell’ex cardinale McCarrick, è arrivato il momento di parlare.

.,

 

 

Maria Elena Boschi

La cocca di Matteo Renzi non perde l’occasione di straparlare alla festa dell’Unità di Ravenna. Non solo dice che le sconfitte del Pd sono colpa di Twitter, spara anche su Salvini: «Mi hanno massacrata per aver incontrato l’ad di una banca. Cosa mi sarebbe successo se avessi dovuto rispondere di 49 milioni?». Qualcuno spiega le differenze tra le due vicende alla inguaribile piagnona?

.,

 

Simone Giannelli

È forse il miglior giocatore freddo, lucido, razionale: un simbolo-della Nazionale di volley. Che ha aperto il Mondiale a Roma con una brillante vittoria sul Giappone, in tre set, alla presenza del presidente Sergio Mattarella. Domato anche il vento, un ostacolo insidioso nelle partite all’aperto. Buone aspettative per la vittoria finale! E giovedì secondo round, a Firenze, contro il Belgio.

.,

 

 

Michelle Bachelet

Il commissario Onu peri diritti umani ha ‘annunciato da Ginevra che  invierà in Italia e in Austria una squadra per ispezionare sul livello di razzismo e di relative violenze. Non si è mai capito bene a cosa serva il carrozzone Onu e quali iniziative serie abbia mai preso. Una domanda però sorge spontanea: perché madame Michelle non manda i suoi ispettori dove il razzismo esiste davvero?

.,

.

 

Marco Bucci

Magari è un tantino esagerata la battuta del sindaco di Genova: «Sono pronto a portare a Roma, sul Tevere, tutte le barche di Genova: come Winston Churchill a Dunkerquel». Ma pienamente giustificata è l’arringa per la rinascita della sua città e per sollecitare provvedimenti importanti e urgenti, dopo la tragedia del ponte.

.,

 

Serena Williams

Dispiace che una grande tennista, al tramonto dopo una carriera straordinaria, perda la testa  come un Fognini qualsiasi insulta l’arbitro gridandogli «ladro» (e altro) ed è – giustamente – sanzionata: reagisce dicendosi vittima di sessismo. In realtà, a 37 anni, la sconfitta di fronte alla ventenne giapponese Naomi Osaka negli Us Open è del tutto meritata.

Share
Share