Londra infuriata con Trump. Un pallone gonfiato contro le minacce di The Donald a Theresa May

Share

Il presidente Usa a The Sun: “Amavo Londra. Non ci vado da tempo. Ma quando ti mettono a disagio perché andarci?”

Donald Trump non si sente il benvenuto a Londra. E i londinesi non avrebbero fatto nulla per far sentire The Donald a suo agio. Anzi, contro il presidente americano sono in corso pittoresche proteste. Da questa mattina sopra il cielo di Parliament Square, in pieno centro, è volato un mega pallone gonfiato che raffigura Trump come un bambino con il pannolino e il telefono cellulare in mano.

“Amavo Londra. Non ci vado da tempo. Ma quando ti mettono a disagio perché andarci?”, ha spiegato Trump in un’intervista a The Sun. Nel colloquio col tabloid, ha poi accusato il sindaco musulmano Sadiq Khan che ha dato l’ok all’installazione del pallone gonfiato, tacciandolo di mancanza di rispetto nei confronti del presidente degli Stati Uniti. Ha sostenuto che la maggioranza degli inglese invece lo ama. E non solo: Trump si è scagliato contro Theresa May, sostenendo che la soft Brexit intrapresa dalla premier “ucciderà” i futuri possibili accordi commerciali tra Gran Bretagna e Usa.

Per evitare le manifestazioni, il capo della Casa Bianca si terrà il più lontano possibile dalla capitale londinese: incontra Theresa May, a Chequers, la residenza di campagna dei premier britannici, a qualche decina di chilometri dalla capitale; e sarà poi ricevuto dalla Regina al castello di Windsor. Ma sarà difficile che non abbia sentore del malumore popolare per la sua visita: giovedì si sono viste le prime manifestazioni, prima a Glasgow, nella George Square, in coincidenza con l’arrivo dell’Air Force One all’aeroporto di Stansted. Ma il clou è stato dinanzi all’ambasciata americana, all’insegna del motto ‘Trump not welcome’: poco prima Amnesty International aveva srotolato un enorme striscione dal Vauxhall Bridge, ben visibile anche dalla legazione, con la scritta, accanto al viso di Trump, “Human Rights Nightmare“, l’incubo dei diritti umani.

L’evento principale oggi sarà il raduno ‘Stop Trump’alle 14 dinanzi la sede della Bbc di Londra a Portland Place e poi da lì corteo lungo Regent Street e Haymarket fino a Trafalgar Square. Dalle 17 manifestazione proprio a Trafalgar Square. Ci sarà anche una marcia esclusivamente al femminile, convocata per le 11 e che confluirà a Parliament Square. Non sarà risparmiata Downing Street dove i manifestanti alle 17:30 si raduneranno sotto lo slogan Together against Trump‘.

Huffington Post

Share
Share