A maggio, Apple pagherà all’Irlanda 13 miliardi di tasse non pagate

Share

Il governo irlandese ha raggiunto un accordo con Apple per il versamento dei 13 miliardi di euro imposto dalla Commissione europea per rifondere lo Stato delle imposte non pagate (grazie a una regalia del Fisco irlandese), considerate dall’Antitrust aiuto di stato non compatibile con le regole Ue. Lo ha indicato ieri il ministro delle finanze Paschal Donohoe. Da maggio, i fondi finiranno in un fondo bloccato in attesa della decisione della Corte europea di Giustizia. Il governo irlandese si aspetta che l’appello prenderà l’avvio in autunno. L’Irlanda è stata deferita alla Corte per non aver recuperato i 13 miliardi.

Nell’agosto 2016 la Commissione europea, dopo due anni di inchiesta, aveva concluso che due accordi fiscali preventivi emanati dall’Irlanda nei confronti di Apple avevano «considerevolmente e artificialmente» ridotto le imposte che la società aveva versato a partire dal 1991. Gli accordi approvavano modalità di determinazione degli utili imponibili di due società di diritto irlandese appartenenti al gruppo Apple (Apple Sales International e Apple Operations Europe) non corrispondenti alla realtà economica. Tanto che la quasi totalità degli utili sulle vendite registrati dalle due società veniva imputata internamente a una «sede centrale». Dall’analisi della Commissione è emerso che queste «sedi centrali» esistevano solo sulla carta e non potevano aver generato tali utili. In virtù di specifiche disposizioni del diritto tributario irlandese oggi non più in vigore, gli utili attribuiti alle «sedi centrali» non erano soggetti a tassazione in nessun paese.

Grazie al metodo di assegnazione avallato con gli accordi fiscali, Apple ha pagato sugli utili di Apple Sales International soltanto un’aliquota effettiva dell’imposta sulle società che dall’1% del 2003 è via via scesa fino allo 0,005% del 2014. Di qui la decisione antitrust di imporre all’Irlanda di recuperare le imposte che Apple non ha versato per il periodo dal 2003 al 2014, per un totale di 13 miliardi di euro più interessi.

Di fatto, il trattamento fiscale di cui ha goduto in Irlanda ha consentito ad Apple di eludere le imposte sulla quasi totalità degli utili generati dalle vendite dei suoi prodotti in tutto il mercato unico. A questo scopo, infatti, Apple aveva registrato tutte le vendite in Irlanda invece che nei paesi nei quali venivano venduti i prodotti.

La Stampa

Share
Share