Lunedì, a Pavia, ci sarà una manifestazione per riaccendere i riflettori sull’omicidio di Andrea Rocchelli

Share

Andrea Rocchelli

Lunedì 9 aprile, alle 15.30, alla ex Chiesa di Santa Maria Gualtieri, in piazza Vittoria a Pavia l’Associazione Lombarda dei Giornalisti e la Federazione Nazionale della Stampa Italiana riaccendono i riflettori sull’omicidio di Andrea “Andy” Rocchelli, giornalista fotoreporter pavese che il 24 maggio 2014 è stato ucciso in Ucraina mentre realizzava un reportage sulla situazione e le sofferenze della popolazione civile del Donbass durante il conflitto tra separatisti filorussi ed esercito ucraino. Con lui perse la vita l’attivista russo per i diritti umani Andrej Mironov, mentre il giornalista francese William Roguelon rimase gravemente ferito.
L’incontro pubblico avviene in concomitanza con l’apertura del processo a Vitaly Markiv, un combattente volontario delle milizie ucraine, arrestato nel giugno scorso a Bologna, e accusato della morte di Andy dalla procura di Pavia, “in concorso con ignoti”. Processo che dovrebbe cominciare al Tribunale di Pavia nelle prossime settimane.
“Le istituzioni dei giornalisti saranno presenti e seguiranno da vicino il processo – ha dichiarato Giuseppe Giulietti, presidente della FNSI (Federazione Nazionale Stampa Italiana) – non solo per ricordare la figura di Andy Rocchelli ma perché c’è la necessità, ora più che mai, di “illuminare a giorno” tutta la vicenda fino a quando si arriverà alla verità processuale su quanto accaduto ottenendo piena giustizia”.
“A quasi 4 anni dall’uccisione di Andy, la necessità di fare chiarezza sul suo omicidio non solo è un atto dovuto di giustizia per i suoi famigliari, ma è un bisogno inderogabile per tutti coloro che, come lui, hanno a cuore la verità e il dovere dell’informazione – dice il presidente dell’Associazione Lombarda dei Giornalisti, Paolo Perucchini -. Il mondo del giornalismo deve avere il coraggio di essere costantemente presente su questo caso, e chiedere uno sforzo per fare luce sull’accaduto. Le omertà internazionali vanno abbattute, gli ostacoli alle indagini vanno rimossi: la verità deve emergere nel rispetto di chi ha perso la sua vita nel nome della libertà di informazione”.
All’incontro di lunedì saranno presenti, la famiglia Rocchelli accompagnata dagli avvocati Alessandra Ballerini e Emanuele Tambuscio, il presidente FNSI Giulietti, il segretario generale aggiunto FNSI e membro del Comitato Direttivo EFJ-European Federation of Journalists Anna Del Freo, il sindaco di Pavia Massimo Depaoli, il senatore Luigi Manconi coordinatore dell’UNAR-Ufficio per la promozione della parità di trattamento e la rimozione delle discriminazioni, Riccardo Noury portavoce di Amnesty International Italia e il presidente ALG Perucchini.

Share
Share