Consip, al via nuovo modello organizzativo

Share

La Consip si rinnova e grazie alla nuova organizzazione assegna grande attenzione al ruolo di “procurer” nazionale, intermediario tra domanda pubblica e mercato dell’offerta, che la posiziona nelle politiche governative anche come «strumento di politica industriale» per la strategia di sviluppo del Paese. A darne notizia è la Consip nel segnalare il termine del processo di rinnovamento. «Il nuovo modello organizzativo – fondato su accountability, ottimizzazione produttiva, chiarezza nelle responsabilità, valorizzazione competenze, miglioramento controlli – supporta l’azione di Consip, – si legge in una nota – sempre più improntata verso qualità, rispetto dei tempi, raggiungimento di obiettivi, in particolare, quelli di riqualificazione della spesa e contributo all’innovazione offrendo soluzioni di eccellenza in linea con le attese di amministrazioni e imprese». La nuova organizzazione si basa su tre divisioni «Sourcing» con elevate competenze merceologiche; due divisioni «Mercati» volte a massimizzare il ricorso agli strumenti di acquisto/negoziazione offerti alle amministrazioni; una divisione «Pianificazione e Supporto Operativo» con funzioni di hub di servizio nelle attività di analisi della spesa della PA con l’utilizzo di strumenti di data-analytics e di pianificazione, controllo e rispetto dei tempi di gara; una divisione «e-Procurement» per lo sviluppo e la gestione della piattaforma negoziale anche nell’ottica di strumento di raccolta ed elaborazione dati; una divisione Legale fortemente orientata alle operation. Dopo le prime misure adottate lo scorso febbraio, in particolare l’istituzione del nuovo Ufficio centralizzato per l’esame e la verifica della documentazione amministrativa e il potenziamento dei processi di coordinamento della produzione delle gare, Consip ha definito nel complesso la nuova organizzazione aziendale, che ha fra i suoi principi cardine massima efficienza del processo produttivo, nuove modalità di relazione con i clienti, enfasi su digitalizzazione e innovazione di processi e tecnologie.

Il Messaggero

Share
Share