Saliscendi / LaVerità

Share

di Cesare Lanza per LaVerità

 .,

Alessandra Mussolini

Sempre simpatica, energica, indomabile. Ma in particolare questa volta merita un riconoscimento perché cita in tivù una frase sulfurea di Bettino Craxi: «Quando si vuole insabbiare uno scandalo, basta creare una commissione parlamentare d’inchiesta». Il riferimento è all’indagine sulle banche; mille polemiche; risultati prevedibili, zero.
.,

 .,

Valeria Fedeli

Ministro dell’Istruzione (e correlate attività culturali) senza alcun  merito, aveva debuttato con alcuni lapsus sui suoi veri titoli di studio, poi ha collezionato puntualmente altre gaffe. Infine le è riuscito un colpo politico eccezionale: sbagliando strepitosamente un congiuntivo ha riabilitato Luigi Di Maio, da tempo sotto tortura per gli stessi motivi.
.,

 .,

Renzo Arbore

Lorenzo Giovanni Arbore, 80 anni compiuti, foggiano di nascita e napoletano adottivo per la sua passione per la musica partenopea, dopo i trionfi in tutto il móndo ha ottenuto il riconoscimento più imprevedibile: primo negli ascolti di una serata televisiva. Lui, che ha sempre snobbato l’audience, puntando sulla qualità.
.,

 .,

Marco Fassone

Dopo  l’esonero di Vincenzo Montella, Rino Gattuso, allenatore  subentrato, è in piena crisi. I cinesi (che hanno speso 740 milioni per acquistare il Milan e più di 200 investiti sul mercato) nulla dicono all’ad Marco Fassone. Che si è beccato un bel rifiuto dall’Uefa per il piano del rientro finanziario. Non ha anche lui molte responsabilità?
.,

 .,

Eugenio Scalfari

Evviva: il Fondatore di Repubblica è sempre apparso in discesa, in queste note, ma stavolta il consenso gli è dovuto per il modo in cui, quattro righe al curaro, ha liquidato Maria Elena Boschi. Delle polemiche attuali non mi curo neanche, ha scritto, perché la legislatura è finita, ma per il futuro spero che la Boschi lasci la politica e si dedichi ad altre attività.
.,

 .,

Maria Elena Boschi

Puntuale in discesa, in queste classifiche. Indifendibile ogni giorno di più, per i suoi interventi aggressivi. Cupio dissolvi, dicevano i latini. Tuttavia è sostenuta tenacemente (non si capisce perché) da Paolo Gentiloni e Matteo Renzi, con gran letizia del centrodestra e dei grillinii: ogni giorno, nei sondaggi, il Pd cala, cala…
 .
.
.
Share
Share