Al lavoro una donna su due: disoccupazione giù, cala all’11,2%

Share

Creati 78 mila posti. In un anno i lavoratori dipendenti sono aumentati dello 0,7% e quelli «a scadenza» sono la maggioranza. Cresce al 49,1% l’occupazione femminile ma l’Italia resta penultima in Europa, dopo c’è solo la Grecia

Occupazione ancora in crescita, con il tasso femminile che tocca il record del 49,1% di donne al lavoro sulla popolazione «rosa» tra 15 e 64 anni. I dati positivi sono contenuti nella rilevazione Istat sul mercato del lavoro nel secondo trimestre del 2017. Complessivamente, gli occupati sono aumentati di 78 mila, rispetto al primo trimestre, raggiungendo quasi 23 milioni. Il miglioramento è dovuto soprattutto ai lavoratori dipendenti, saliti di 149 mila, anche se in otto casi su dieci si tratta di nuovi lavoratori a termine. Continuano invece a calare gli autonomi. Su base annua, l’aumento degli occupati è di 153 mila. Il tasso di disoccupazione è sceso nel secondo trimestre all’11,2% (-0,4 punti rispetto al trimestre precedente e -0,6 nei confronti di un anno prima). Il rafforzamento del mercato del lavoro (crescono dello 0,2% sul primo trimestre anche le ore lavorate per dipendente mentre il ricorso alla cassa integrazione scende del 5,7% rispetto a un anno fa) vede però l’esaurirsi degli effetti della decontribuzione sulle assunzioni a tempo indeterminato. Non a caso l’Istat osserva che «continuano a diminuire le transizioni da dipendenti a termine a dipendenti a tempo indeterminato». I costo del lavoro e calato dello 0,2% su base trimestrale e dello 0,1% su base annua.Il tasso record dell’occupazione femminile (il 49,1% è il livello più alto registrato nelle serie storiche iniziate nel 1977) è trainato dalla crescita dei servizi, settore con alta presenza di lavoratrici, e viene raggiunto dopo quattro trimestri con-secutivi di aumento. Nonostante ciò, osserva l’Istat, l’Italia resta penultima nella Ue a 28, con un divario di 13,2 punti rispetto alla media europea, seguita solo dalla Grecia. E la sottosegretaria alla presidenza del Consiglio, Maria Elena Boschi, ricorda che resta «complicato e ambizioso» per l’Italia raggiungere gli obiettivi europei.
A proposito dell’occupazione femminile, ieri il presidente dell’Inps, Tito Boeri, ha bocciato una delle ipotesi di cui stanno discutendo il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti (ovviamente soddisfatto per i dati Istat) e i leader di Cgil, Cisl e Uil: quella di favorire il pensionamento anticipato (fino a due-tre anni) per le lavoratrici madri. Secondo Boeri, c’è il rischio che le aziende «sfruttino la possibilità di far uscire anticipatamente le donne con figli per ridurre la forza lavoro, obbligandole a prendere una pensione molto bassa». Quelle di Boeri, ribatte Roberto Ghiselli, sono «dichiarazioni fantasiose, perché l’anticipo pensionistico non sarebbe un obbligo ma una facoltà».
Tornando all’occupazione, l’indagine trimestrale di ManpowerGroup prevede un aumento del 3% delle assunzioni anche nel prossimo trimestre, in particolare nei servizi.

Il Corriere della Sera

Share
Share