Vaccini, a Roma rimandati a casa alcuni alunni senza autocertificazione

Share

Il caso riferito dalla preside dell’istituto comprensivo di via Aretusa, nella zona di La Rustica: “Ancora un 15% non in regola. Non ci sono state questioni di principio, ma solo di ritardo”

“Su 263 alunni stamattina in 97 non erano in regola con la documentazione sulle vaccinazioni. Buona parte l’ha regolarizzata in mattinata, alcuni bambini però li abbiamo dovuti rimandare a casa invitandoli a tornare domani con l’autocertificazione. Parliamo di pochi casi, forse una decina”. A raccontarlo Donatella Gentilini, preside dell’istituto comprensivo di via Aretusa, nella zona di La Rustica. “Penso che al momento sul totale degli iscritti – ha aggiunto – un 15% non è ancora in regola”.

“Per ora – ha aggiunto la preside – non ci sono state questioni di principio, ma solo di ritardo. La definirei ‘sciatteria intellettuale’ nel senso che non si è data la dovuta importanza alla scadenza fissata per ieri”.

Ieri la Regione aveva fatto sapere che sono circa novantamila le prenotazioni richieste per bambini nati tra gli anni 2001 e 2016 per vaccinazioni che potranno essere effettuate entro il 10 marzo 2018. “Di queste prenotazioni oltre 72mila provengono da Roma (50.322 per la fascia da 0 a 6 anni, e 22.203 per la fascia da 7 a 16 anni) e le restanti dagli altri Comuni del Lazio”.

Repubblica.it

Share
Share