Saliscendi/ La Verità

di Cesare Lanza

SILVIO BERLUSCONI

Rieccolo! Altro che Amintore Fanfani o Matteo Renzi… È il Cav quello che rispunta sempre, quando tutti lo danno per spacciato. Compatta Matteo Salvini e Giorgia Meloni ed è sempre protagonista, al centro del dibattito. Se ce la fa, sarebbe un miracolo, come quello del 1994, quando riunì Umberto Bossi e Gianfranco Fini.
.
.

KIM JONG UN

Di pazzi ce ne sono molti, ma il dittatore nordeoreano Kim Jong Un supera tutti quanti: proclama di essere pronto alla guerra nucleare. Totò diceva che ogni limite ha la sua pazienza. L’atomica, no! È un tabù insuperabile, nei sentimenti della popolazione civile, in tutto il mondo. Solo parlarne provoca sdegno e brividi.
.
.
.

ANTONIO ESPOSITO

È il giudice di Cassazione che condannò Silvio Berlusconi, ma stavolta va elogiato. Con fermezza invita il Csm e il ministro della Giustizia, Andrea Orlando a non ficcanasare nel caso Consip, la società del ministero dell’Economia e delle Finanze: la legge impone di rispettare gli inquirenti, mentre l’indagine è in corso.
.
.
.
.

RITA BORIONI

Cda Rai nel caos: il Pd designa Antonio Campo Dall’Orto e poi lo attacca. Il M5s, sempre in attacco, stavolta lo difende. E lei, consigliere di amministrazione Rai dal 2015, se la ride: «Parlo ore con Matteo Renzi? Sì, e gioco a carte con Barack Obama». Come se sui casini Rai ci fosse qualcosa da ridere.
.
.
.
.

MASSIMILIANO ALLEGRI

E’ il professionista più coerente: riesce a caricare i suoi campioni sempre, con il Barcellona e con il Pescara. Non importa quale sia la qualità degli avversari. Da scommettere che in Spagna, nella gara di ritorno di Champions League, la sua tosta Juventus non si farà rimontare, come un Psg qualsiasi.
.
.

EUGENIO SCALFARI

Senza confini la piaggeria verso il Papa, che il fondatore di Repubblica continua a citare in misura estenuante e devozione sconcertante. L’ultima? «Questa Pasqua anche per gli atei si chiama Francesco……>>. Addirittura. Forse si vuole sostituire al pontefice. Ma pensa per te, Eugé!
.
.

di Cesare Lanza, La Verità