La nuova Italgas debutta in Borsa il 7 novembre

Obiettivo 40% quota mercato, a primavera nuovi target

italgasE’ atteso il 7 novembre il debutto in Borsa della nuova Italgas, dopo la scissione da Snam della società per la distribuzione del gas naturale in Italia. La data, subordinata all’ok Consob e Borsa Italiana, è emersa nel corso di un ‘capital markets day’ organizzato dalla società a Londra in avvio di un road show nelle principali piazze europee e americane, per presentare Italgas agli investitori.
Per il 2016 Italgas prevede un dividendo a 20 centesimi, in crescita ulteriore nel 2017 e 2018 a una cifra percentuale singola e bassa – “low single digit” – che il ceo Paolo Gallo ha chiarito: “Con ‘low single digit’ si intende una crescita dell’1, 2, 3%… E’ troppo presto per dirlo oggi. Nei prossimi mesi rivedremo il nostro piano industriale, sulla base della tempistica delle gare e i piani di efficienza. Torneremo” a dare al mercato “in primavera nuove ‘guidance’ più stringenti sulla nostra politica dei dividendi – ha chiarito -. I 20 centesimi saranno la base”.
Il gruppo ha ribadito l’indicazione di ricavi consolidati pro-forma oltre 1 miliardo nel 2016 dopo la separazione da Snam. Il margine ebitda è visto al 65% circa, mentre la remunerazione del rab (capitale investito ai fini regolatori) è attesa oltre il 6%. Nel corso dell’incontro a Londra Italgas ha chiarito di voler portare la propria quota di mercato al 40%, dal 33,9% attuale (il 3,6% da affiliate) “cogliendo le opportunità sul mercato”, ha spiegato Gallo. Gli investimenti finanziari per nuove gare sono stimati a 1,3 miliardi, mentre 0,9 miliardi sono gli investimenti richiesti come capex (cioè per acquistare asset durevoli) dalle nuove concessioni. “Siamo in una posizione unica per le nuove gare – ha spiegato Gallo -. Abbiamo un business con una crescita organica sostenibile, un bilancio solido e un cash flow” sicuro. Gli investimenti organici previsti tra il 2016 e il 2020 sono pari a 2 miliardi.