Economia, il GOTHA

 NomeAziendaCaricaVotoGiudizio
eXPLOIT
Gianluigi AponteGIANLUIGI APONTEMSCFondatore e Proprietario8In continua espansione, spesso presente nelle cronache economiche, e tuttavia resta un personaggio molto riservato, pressochè inavvicinabile. Partì dalla costiera Amalfitana e nelle sue navi da crociera i pochi dipendenti italiani sono originari di Pozzuoli e dintorni. Sarebbero utili per il suo impero nuove scelte per la squadra di comando e uno stile diverso e più moderno nella gestione della comunicazione (vedi l’approccio ai media per il caso Fincantieri e per le trattative con il gruppo Messina).
Giovanni-BazoliGIOVANNI BAZOLIIntesa SanpaoloPresidente Consiglio di Sorveglianza9Diavolo di un Richelieu! Sembrava in un angolo, defilato, anche per ragioni di età e qualche acciacco di salute, e invece rieccolo: regista dietro le quinte, e vincente, nella scalata di Urbano Cairo alla proprietà del Corriere; e non solo. Criticatelo finchè volete, non dico che non si muove foglia che lui non voglia, ma i conti – quasi ovunque – con Bazoli bisogna farli.
urbano-cairoURBANO CAIROCairo Communication, Gruppo RcsPresidente,
Presidente e Ad
“Domine, non sum dignus”… chi sono io, per giudicarlo? Ho sempre seguito con stima e simpatia la sua ascesa, mai avrei immaginato che sarebbe diventato dominus assoluto nell’imprenditoria italiana, oggi certamente il numero uno. L’ho incontrato di recente a Milano, l’ho intervistato, per l’ennesima volta mi ha colpito la sua imperturbabilità a trattare, con apparente confidenza, le questioni più delicate. È fatto così, e a me piace: disinvolto nel parlare in televisione nei programmi sportivi, anche a botta calda alla fine delle partite del suo Torino; misurato, discreto nelle partite di potere. Cosa abbia in testa, lo sa soltanto lui. Dicono che prima o poi scenderà in politica. Urbano, anzi Urb come si fa chiamare, nega drasticamente o quasi. Dice che ci vorrebbero giornata di quarant’otto ore e ne ha a disposizione, come tutti, solo ventiquattro. La mia opinione è che, se matureranno le condizioni opportune, si presenterà in politica, prima o poi: gli indizi sono le interviste televisive e le pagine di pubblicità in cui appare leader, all’americana. Se, se, se. La chiave per capire è sempre la stessa: Cairo si muoverà, come ha sempre fatto, tempestivamente. Non ha mai sbagliato, per entrare in scena: mai un minuto prima, mai un minuto dopo.
Leonardo-Del-VecchioLEONARDO DEL VECCHIOLuxottica GroupFondatore e PresidenteVive a Monte Carlo, come tutti sanno è partito da zero e non si è negato nulla nella sua meravigliosa esistenza, a cominciare da varie mogli e figliolanza. Adesso, ad 81 anni suonati, al di là degli affari e delle importanti acquisizioni, il suo problema principale è sistemare le strutture, per la successione. E questo non sarà facile. Luxottica, pensatela come volete, ma è la principale azienda italiana dagli anni ’50 in poi. E il problema su chi debba prendere, nell’eredità, il timone del comando, è stato costante e presente per tutti i grandi capitani d’industria.
 mario-draghiMARIO DRAGHIBanca Centrale EuropeaPresidentePagherei un cent, come dicono gli inglesi, ma forse anche molto di più, per entrare nel suo finissimo cervello e capire come stia considerando il proprio futuro. La BCE gli sta stretta, l’Europa scricchiola… gli dedicammo, ovviamente non ascoltati, una copertina dell’Attimo Fuggente per auspicare la sua nomina alla guida del governo al posto di Enrico Letta e poi di Matteo Renzi, senza parlare di Paolo Gentiloni. Dopo le prossime elezioni, che probabilmente non risolveranno proprio un bel niente, confermiamo fin da ora la stessa speranza. Non è Monti, Mario Draghi: ha visioni più ampie, è più determinato, non è cocciuto, apprezza l’importanza dei tempi, non sottovaluta gli interlocutori.
MEETING RIMINI 2012MAXIMO IBARRAWind-H3GCeo8Un manager giovane, molto preparato, dalle idee chiare ed innovative. E, non a caso, continua a mietere successi. Dopo aver portato Wind ai vertici del mercato, guida il più grande operatore mobile del Paese, quello nato dalla fusione tra Wind e 3. È leader nel mobile con oltre il 37% di market share e 31,3 milioni di clienti. Punta a mantenere un forte livello di competizione modificando la strategia operativa per essere più efficaci ed efficienti. Gestirà investimenti per 7 miliardi in infrastrutture digitali.
Sergio_MarchionneSERGIO MARCHIONNEFiat Chrysler Automobiles,
Ferrari
Presidente e A.D.,
Presidente
8-Più che mai è autorevole e potente, ha imposto l'uscita di Torino dalle voragini di Rcs e del Corriere. Si aspettano faville della nuova Ferrari. Nel 2016 ha guadagnato 10,6 milioni e tra 2 anni lascerà ed è alla ricerca di un alleato per diventare il number one. Si consola con la conquista del mercato cinese.
Ernesto PellegriniERNESTO PELLEGRINIGruppo PellegriniPresidente 9Un grand’uomo, per me. Straordinario come imprenditore, prudente e audace secondo le occasioni, intramontabile il ricordo della sua Inter scudettata, che ottenne record senza pari. È anche un personaggio che esprime solidarietà, come (ma non solo) per l’iniziativa del ristorante “Ruben”, che offre la cena a 1€ a pasto, a persone in temporanea difficoltà. Lo conobbi quando acquisì l’Inter e, a pranzo con modestia mi disse “ne dovrò fare di mense – il suo business, ndr – per riuscire a pagare gli ingaggi di certi campioni…”. Adesso gli hanno offerto vari club, in difficoltà, tra cui il Genoa e il Palermo. Ma come potrebbe “declassarsi” un protagonista come lui, che ha raggiunto qualsiasi traguardo e, nel calcio, ha guidato l’Inter?
Marco Tronchetti ProveraMARCO TRONCHETTI PROVERAPirelliPresidente e CeoNon entriamo nel merito dell’estenuante processo Telecom, in cui l’ex amministratore delegato fu condannato in prima istanza e poi assolto tre volte: in appello, in Cassazione e di nuovo in appello. Il merito di Tronchetti è di aver ostinatamente rifiutato la prescrizione, il comodo e scandaloso rifugio che consente di evitare il rischio di una condanna anziché esigere giustizia. Chapeau!
Quando si muove, è sempre positivo.
In ascesa
Domenico ArcuriDOMENICO ARCURIInvitaliaAmministratore Delegato7+Invitalia cresce, il merito è suo, accorto politicamente e impegnato day by day in una gestione perfezionista. Sta lavorando su più fronti (ex Irisbus, Bagnoli, Dphar). Punta anche sullo sviluppo del Sud con la Banca del Mezzogiorno-Mediocredito Centrale targata Invitalia, con più credito agevolato alle imprese.
Pier_Silvio_BerlusconiPIER SILVIO BERLUSCONIMediaset, RTIVice-Presidente e A.D.8Un uomo anomalo ma un ottimo giocatore di poker. Al momento sta giocando una super partita con un piatto altissimo contro un grande giocatore come Bollorè.
Franco_BernabèFRANCO BERNABE'Franco Bernabè Group, ICBPI, Unesco Fondatore, Presidente, Presidente Commissione Nazionale7Sempre citato per ogni nomina e cambi di poltronissime. E' stato nominato Presidente di ICBPI. Alla fine è un personaggio sempre molto discusso. Vede nubi sulla ripresa, ma per lui il bicchiere è sempre mezzo pieno. È alla sua quarta acquisizione e per 30 mln si è portato a casa CartaSi di Deutsche Bank.
Francesco CaioFRANCESCO CAIOPoste ItalianeEx Amministratore DelegatoLe sue divergenze con Renzi hanno bloccato la riconferma a Poste. Tra i (pochi) manager apprezzati all'estero per i suoi momenti di genialità/diversità. In attesa di nuovi incarichi.
francesco-gaetano-caltagironeFRANCESCO GAETANO CALTAGIRONEGruppo CaltagironePresidenteÈ il nome che ti viene in mente, se pensi a un personaggio di potere, solido, per di più “liquido”, come si dice in gergo. Di poche parole, restio alle interviste e alle confidenze. Accorto e inesorabile, sta salendo nelle Generali, con una quota ormai più che significativa.
Flavio CattaneoFLAVIO CATTANEOTelecom ItaliaAmministratore Delegato7“Il ciclone” sta rivoltando l’azienda come un calzino. Dopo i tagli ora sta lavorando a far crescere i ricavi e in poco tempo vuole portare i clienti della banda ultra larga da 1 mln a 5,5 mln. Prova a fare di tutto per conquistare la piena fiducia di Bolloré e il suo mega bonus. Sicuramente sarà riconfermato.
Vittorio ColaoVITTORIO COLAOVodafone GroupAmministratore Delegato7Qualsiasi manager vorrebbe essere al suo posto: avere uno stipendio alto, potersi permettere di ricevere offerte e proposte, ascoltarle affabilmente con sicuro divertimento, e rifiutarle. The Irish Times lo ha soprannominato "il carabiniere". Sarebbe un ottimo ministro. Continua la crescita dell’azienda ma il suo fiore all’occhiello è il mercato italiano.
maurizio-costaMAURIZIO COSTAFieg Presidente7+È genoano e questo gli assicura la nostra simpatia pregiudiziale. È soddisfatto della riforma dell'editoria, ma spera in un rapido avvio delle misure per contrastare la crisi e gli hacker che rendevano disponibili gratuitamente quotidiani e periodici.
cremonini 115LUIGI CREMONINICremoniniPresidenteE' soprannominato il re delle carni. E' nella classifica di Forbes, tra i super ricchi mondiali. Ha riportato la Dolce Vita a Fontana di Trevi con l'apertura di Harry's Bar. Come un maratoneta continua a correre aprendo nuovi stabilimenti dal Nord America all’Asia.
Vincenzo CremoniniVINCENZO CREMONINICremoniniAmministratore DelegatoÈ alla guida di un gruppo consolidato e in grande crescita, con una forte leadership non solo sul mercato italiano, ma anche estero. Prosegue con il piano industriale delle acquisizioni. Considera il food sexy. È nel direttivo di Confindustria Modena. Segue le orme di suo padre.
SERVIZIO FOTOGRAFICO CARLO DE BENEDETTICARLO DE BENEDETTIGruppo EspressoPresidente8Dominante nel controllo di “Stanpublica”, la colossale operazione editoriale, che assicura al suo gruppo una posizione di primato (a fronte di Urbano Cairo, con Rcs e le sue varie riviste popolari). Anche per lui, che ha superato gli 80 anni, si delinea il problema di stabilire – nei dettagli – la successione. Ha fatto tutto da sè, certamente pensa come tutelare “Repubblica” e le altre aziende, valutando i figli e i manager. Ha scelto Mario Calabresi per la direzione di “Repubblica”, si dice – senza conferme – che sia già molto deluso.
De Laurentiis AurelioAURELIO DE LAURENTIISFilmauroTitolare e Presidente7
Il successo del Napoli si impone su tutto, cinema compreso, perché gli utlimi film non hanno ottenuto gli incassi sperati. Ha un carattere insofferente, spesso brusco e impulsivo: le cronache hanno segnalato ruggini (rientrate) con l’allenatore del Napoli Maurizio Sarri, artefice di un ottimo calcio. La scelta di De Laurentis di assumerlo, avendone individuato la capacità, fu eccellente: sarebbe un peccato bruciarla, immotivatamente.
John_ElkannJOHN J.P. ELKANNFiat Chrysler AutomobilesPresidente7Una figura tuttora messa in ombra dalla sovraesposizione di Sergio Marchionne, che ha salvato la FIAT, portandola negli Stati Uniti e liberandola da pesi superflui. Ha confermato che Marchionne lascerà FCA nel 2019 e la ricerca del nuovo capo azienda sarà fatta all’interno del gruppo. Quanto alle traversie di Andrea Agnelli, suo cugino, per i presunti rapporti con bande di tifosi paramafiosi, ha detto: “La verità verrà fuori… il destino di chi vince è essere meno simpatico”. Si parla anche, tuttavia, di un rapporto conflittuale con Andrea.
beniamino gavioBENIAMINO GAVIOAurelia e Argo FinanziariaPresidente7-Schivo ed estraneo alla vita mondana, non gli piace apparire in prima pagina. Buon sangue non mente. Il suo gruppo è diventato il quarto operatore al mondo nella gestione di autostrade a pedaggio. Sta lavorando per espandersi sul mercato Nord e Sud America.
Luigi GubitosiLUIGI GUBITOSIAlitalia, Advent International Global Private EquityPresidente Esecutivo, Operating Partner8Riuscirà a fare il miracolo? Cioè: riuscirà a camminare sulle acque? La metafora va corretta: non acqua, ma cielo. Il nuovo presidente di Alitalia è chiamato a un compito da molti definito impossibile: tornare a far volare, con successo e profitti, la nostra società di bandiera. In realtà, Alitalia, sembra sull’orlo del fallimento, devastata dai debiti crescenti, è alle prese con un confronto sindacale durissimo. Il paradosso è che il socio arabo non avrebbe difficoltà ad inserire quattrini, ma le norme europee vietano che possa andare oltre il 50%. Non c'è dubbio che Gubitosi sia il manager giusto per tentare di risanare i conti. Però ha bisogno di tempo e di risorse finanziarie che, al momento, sembrano impossibili.
Andrea_IllyANDREA ILLYIllycaffè S.p.A.PresidenteDal chicco alla tazzina, splendidi successi. In più, una certa diffidenza verso i personaggi della nuova politica. Negli ultimi mesi sta rivoluzionando la catena di comando con managers esterni, l’uscita dal cda dei fratelli Riccardo e Francesco, agevolando l’ingresso dei figli. I nuovi obiettivi sono quelli di investire in nuove acquisizioni al di fuori del core business del caffè.
Emma_MarcegagliaEMMA MARCEGAGLIAEni, Gruppo MarcegagliaPresidente, Vice Ceo7+Nel management italiano, sempre in primissima fila tra le donne meritevoli per competenza, prestigio e potere. Ma la presidenza di Eni non aiuta la sua immagine. Guida il fratello nel take over dell'Ilva. Considera il Sole 24 Ore un asset imprescindibile per Confindustria, e si deve fare di tutto per salvarlo. È stata riconfermata alla presidenza dell’Eni.
Carlo-MessinaCARLO MESSINAIntesa SanpaoloAmministratore Delegato8Positivo, ottimista, determinato. Ha fiducia nel destino generale delle banche italiane, esclude fallimenti di quelle in difficoltà: il governo ha messo 20 miliardi contro il rischio. L’ascesa alla banca è compiuta. L’Ad di Intesa è tra i finanzieri meglio pagati: 3,7 milioni di euro, ben più di Cimbri e Nagel.
IX CONFERENZA D'ORGANIZZAZIONE DELLA FABICORRADO PASSERAItalia UnicaFondatore6Il suo nome era nell'elenco dei papabili per la poltrona di A.D. di UniCredit, ma anche questa è sfumata. Ultimamente non vede la luce alla fine del tunnel. Ci prova interessandosi al potenziale rafforzamento patrimoniale della disastrata banca toscana.
Marco_PatuanoMARCO PATUANOEdizione Holding, AtlantiaAmministratore Delegato, cdaDopo aver lasciato Telecom con un anno di anticipo e una buona uscita di 6 mln, è tornato in pompa magna nella società che controlla le partecipazioni della famiglia Benetton, che vede al vertice della stanza dei bottoni un outsider. È pronto a rivoluzionarla. È stato anche catapultato nel cda di Atlantia come consigliere non esecutivo.
Marco SalaMARCO SALA International Game TechnologyCeoIl nuovo Cristoforo Colombo del terzo millennio è riuscito a conquistare i giochi Usa, con la mega acquisizione di Igt di cui ha concluso l’integrazione consolidandone il ruolo di leader globale nel settore con sedi a Roma, Providence e Las Vegas e una presenza in oltre 100 paesi. Concluse così con successo due acquisizioni in America nell'arco di soli 10 anni (Gtech e IGT), nel corso del 2016 si è assicurato il rinnovo della concessione del gioco più antico e popolare in Italia, Il Lotto.
Pietro SaliniPIETRO SALINIGruppo SaliniAmministratore Delegato7Cresce il suo prestigio in USA. Nei prossimi tre anni vuole portare il suo fatturato da 6 miliardi a 9 miliardi, conquistando il mercato americano. Si aspetta un 2017 record e spera che questa volta il ponte sullo stretto non sia solo una chimera.
++ SQUINZI,STIAMO MORENDO DI FISCO,RINUNCIAMO A INCENTIVI ++GIORGIO SQUINZIMapei, U.S. Sassuolo Amministratore unico, PresidenteÈ molto felice dell'incremento di fatturato di 2 miliardi della sua società Mapei. Il suo giocattolo, il Sassuolo, gli dà grandi soddisfazioni, per i successi giova molto all'immagine del personaggio e dell'azienda.
Francesco StaraceFRANCESCO STARACEEnelAmministratore Delegato7Ha svolto un ottimo lavoro, facendo felice il governo che gli ha riconfermato l’incarico. Sarebbe stato il candidato ideale per la poltronissima dell’Eni.
Layout 1
Luigi AbeteLUIGI ABETEBNL-BNP Paribas, Cinecittà StudiosPresidente6Citato in giudizio dalla procura di Trani per aver sottoscritto rischiosi contratti derivati a imprenditori. Sicuramente risulterà estraneo alle vicende. Vorrebbe accelerare il mercato unico europeo e spera in una riforma comunitaria sulle banche. Sta lavorando a parare i colpi della Brexit. Il nuovo progetto di Cinecittà Studios è in affanno.
BARILLA TORNA A PRODURRE SUGHI PER LA PASTA DOPO 40 ANNIGUIDO MARIA BARILLABarilla HoldingPresidenteUn marchio importante, difficile mantenerlo ai massimi livelli e la sua comunicazione purtroppo è latitante. È sceso in campo premiando le inchieste che denunciano i paradossi del cibo: la Fondazione è da anni impegnata in un’intensa attività di ricerca e nella promozione della sostenibilità nel campo alimentare.
Silvio BerlusconiSILVIO BERLUSCONIPatron dell'universo MediasetEx Presidente del ConsiglioFinalmente è riuscito a chiudere l’estenuante trattativa con i cinesi e ha lasciato la sua creatura ludicamente prediletta, il Milan: l’emorragia era insostenibile e impraticabili le possibilità di rilancio con la grandiosità del passato. In politica, invece, sembra tornare protagonista. Ma ad una condizione: compiere la miracolosa impresa di stabilire un accordo con Matteo Salvini, a capo della Lega, un interlocutore assai più difficile del pur pugnace Bossi. Se ce la farà, l’aggregazione potrebbe essere risolutiva. Tutti dicono che le elezioni non risolveranno nulla, bisognerà vedere con chi si alleerà Grillo (al momento restio a stabilire patti), il Pd potrebbe essere nella necessità – per governare – di utilizzare i voti di Forza Italia.
Pellegrino CapaldoPELLEGRINO CAPALDOFondazione TalentiPresidente6+Non si sa quanto ancora influisca sul quadro italiano dei poteri solidi, stabili, incerti e frammentati... Certo è un testimone perspicace e informato su tutto e tutti. Provate a intervistarlo, non vi risponderà: è famosa la sua riservatezza. Vorrebbe meno burocrazia e più società.
LATERZA - ROMAINNOCENZO CIPOLLETTAFondo Italiano d'Investimento SGRPresidenteSi aspettano, con curiosità e stima (bilanciata dalle molte antipatie che suscita con il suo caratteraccio), le esternazioni e le iniziative che certamente pensa di notte, prima di addormentarsi. Spera nel cambiamento epocale di Industria 4.0.
Giovanni FerreroGIOVANNI FERREROFerrero spaCeo7-Il suo (difficile) lavoro sarebbe più semplice ed efficace se fosse meglio assistito per l'immagine, sua personale e della sua grandissima azienda, e nella comunicazione. In ognuno di noi si nasconde un vizietto: il suo è quello della scrittura e da un ovetto Kinder è uscito il suo sesto libro. Dopo l’asilo nido l’azienda avrà anche la scuola materna.
Gabriele Galateri di GenolaGABRIELE GALATERI DI GENOLAAssicurazioni GeneraliPresidente7Storicamente carismatico, presenza fissa e discreta nel Palazzo. Molto rappresentativo. È entusiasto dell’ottimo lavoro l’Ad Donnet.
Mauro MasiMAURO MASIConsapAmministratore Delegato e PresidenteL’ex direttore generale della Rai mostra, in un’intervista, di essere legato ai ricordi: per lui Fazio è furbo, Giovanni Floris furbetto, Bruno Vespa ecumenico, Serena Dandini fa il birignao… e non esclude un suo eventuale ritorno alla Rai, rivendica la paternità del “codice Masi” sul pluralismo. Sembra indeciso tra le opportunità che gli dà la sua storia, giurista e manager in aziende pubbliche, e la tentazione della politica.
Alberto NagelALBERTO NICOLA NAGELMediobancaAmministratore DelegatoCome nell'Iliade è considerato un bravo duellante, e si spera che prossimamente possa portare a casa un bel trofeo. Sta rafforzando due rami: corporate & investment banking, e consumer & retail. Ha deciso di tenersi stretto il leone ruggente in quanto è fonte di utili e dividendi.
Carlo PesentiCARLO PESENTIItalcementi, ClessidraConsigliere delegato, Presidente6Dopo 150 anni ha ceduto il controllo del suo gruppo industriale ai tedeschi di Heidelberg. Con un altro colpo di scena, ha acquistato la società Clessidra, che lo catapulta anche nel mondo della moda. Complimenti per il suo stipendio d’oro: nel 2016 ha portato a casa solo 14,7 mln da Italmobiliare. Ottima scelta la nomina di Federico Ghizzoni a vice presidente esecutivo di Clessidra.
miuccia pradaMIUCCIA PRADAPradaCeoDa furba imprenditrice sta alla larga dalla politica, in quanto potrebbe danneggiare i suoi affari, che ad oggi sono in calo.
renzo-rossoRENZO ROSSODieselFondatore/Proprietario5+Vorrei ma non posso: brutto problema esistenziale è, per tutti, quello di non accontentarsi di un ragionevole successo e sognare e inseguire altri traguardi, irraggiungibili. Vede le vendite Diesel in rosso-nero nel 2016 ma ha recuperato qualcosina con alta gamma.
Ignazio ViscoIGNAZIO VISCOBanca d'ItaliaGovernatoreUltimamente è uscito dalla penombra, spazia di continuo sui media in quanto la sua poltrona scricchiola.
discussi
 giorgio-armaniGIORGIO ARMANIGiorgio ArmaniAmministratore Delegato5È considerato un leone che ama ruggire, ma ultimamente più che ruggire si sente abbaiare. Un grandissimo ex? Non teme la Brexit ma rilancia con nuove aperture a Londra.
Benetton AlessandroALESSANDRO BENETTON21 PartnersFondatore, manager partnerConsidera l'Italia un Paese di immaturi, tutti a caccia del consenso. Contrario alla ristrutturazione della sua azienda che ha creato molte divergenze in famiglia.
Gilberto-BenettonGILBERTO BENETTONEdizione srlPresidente5Ha lasciato la poltrona di Presidente a Fabio Cerchiai mentre lui si è messo un po’ in disparte mantenendo la vice presidenza.
Luciano_BenettonLUCIANO BENETTONBenetton GroupEx Presidente5Vecchia guardia. Da rottamare? Certamente ha già cantato le sue canzoni. All'età di 82 anni si diletta nei viaggi di piacere ma anche di lavoro.
Marina_BerlusconiMARINA BERLUSCONIGruppo Mondadori e FininvestPresidenteAutorevole, sempre vicinissima al padre. Gioca il ruolo del vero leader del mondo di Silvio. È stata incoronata da Hollywood Reporter tra le 20 donne più potenti nei media. Per far crescere l’azienda guarda a nuove acquisizioni.
Claudio De ScalziCLAUDIO DESCALZIEniAmministratore Delegato4Gli azionisti sperano che non suoni la campana a morto dell'azienda. Oggi si tirano fuori complotti, complottini, dossier e dossierini. È stato rinnovato anche se molti volevano la sua sostituzione.
Alessandro ProfumoALESSANDRO PROFUMOLeonardo - Finmeccanica,
Equita SIM spa
Amministratore delegato,
Presidente
8Non è mai stato nell'albume, ma sempre nel tuorlo del potere. Tanto detesta i giornalisti e si infischia di ciò che scrivono, tanto è abile nel lavoro. Si considera un animale razionale ma dovrà studiare ed imparare i meccanismi di una società molto complessa come Leonardo – Finmeccanica.
In discesa
roberto colaninnoROBERTO COLANINNO PiaggioCeo, Chairman5Sta festeggiando i 70 anni della mitica Vespa e i 130 della Piaggio, mentre l'Ape vola in Messico. Si è dimesso dal cda di Alitalia, "per curare le proprie aziende". I dazi di Trump alla Vespa gli procurano più un danno di immagine che di esportazione in quanto aggirerà facilmente i dazi vendendo in America le Vespe prodotte in Vietnam. Ma questo danneggerà la produzione italiana.
Enel chairman Fulvio Conti of Italy listFULVIO CONTIFinancial Advisory Strategic, Innova Italy 1Fondatore, Presidente6+Apprezzato manager di vecchia scuola politica, molto concreto.
rodolfo-de-benedettiRODOLFO DE BENEDETTICIRPresidente esecutivoMeriterebbe un voto più alto, ma il giovane erede di CDB non è fortunato. L'altalena d'immagine ultimamente è in discesa.
Ennio-DorisENNIO DORISGruppo MediolanumAmministratore Delegato5Saremo ripetitivi, ma non è apprezzabile che i proprietari di un'impresa (in questo caso padre e figlio) si esibiscano come testimonial negli spot pubblicitari. Niente a che vedere con i tortellini di Rana! Qui si parla di banca, di soldi, di finanza, di investimenti. Prevede un 2017 in salita.
Generali, i consiglieri chiedono la sfiducia di Cesare GeronziCESARE GERONZIFondazione Assicurazioni Generali S.p.AEx Presidente6Tutti i rapporti con il gruppo sono stati recisi ed è stato sostituito come Presidente della Fondazione da Gabriele Galateri di Genola. Si sta godendo la sua agognata pensione.
Mauro_MorettiMAURO MORETTIFinmeccanicaEx Amministratore Delegato?Adesso da ex potrà dedicare più tempo alla sua nipotina e a curare i suoi alberi di ulivo.
Cesare RomitiCESARE ROMITIFondazione Italia-CinaPresidente8Nelle sue due città ha tifato Raggi e Appendino. Il Paese è per lui da ricostruire come nel dopoguerra. Considera il Movimento 5 Stelle una scossa positiva.
Paolo_ScaroniPAOLO SCARONINM Rothschild & SonsVice Presidente7+Anche se imputato per una tangente Saipem in Algeria per un secondo episodio di corruzione, il prestigio personale e professionale resta intatto. È considerato un advisor influente e blasonato.
In caduta libera
Abete GiancarloGIANCARLO ABETEUEFAVice PresidenteÈ atteso all'ennesima prova importante, potrebbe riemergere, ma è di fronte ad avversari e difficoltà di notevole spessore. Il suo sogno di ritornare sulla poltrona della FIGC non si è avverato.
-Cop16 luglio.qxdFEDELE CONFALONIERIMediasetPresidenteFedele di nome e di fatto, non solo a se stesso ma anche al suo amico Silvio.

Per proposte e interventi questi i recapiti da contattare: tel. +39 06-93574813 redazione@attimo-fuggente.com
E ogni giorno news ed informazioni direttamente sul sito http://www.attimo-fuggente.com/

Torna alle pagelle e classifiche

Be the first to comment on "Economia, il GOTHA"

Leave a comment