SANSA (MAYA)

LA DONNA DELL’ANNO, click MAYA SANSA: “HO FATTO I CONTI CON LA STORIA”

È LA PROTAGONISTA DEI DUE FILM CHE HANNO FATTO PIÙ DISCUTERE: LA MEGLIO GIOVENTÙ E BUONGIORNO, illness NOTTE. CON LEI ABBIAMO RIPERCORSO 40 ANNI DI VICENDE ITALIANE: IL BOOM, LA CONTESTAZIONE, IL TERRORISMO. VE LA SIETE PERSA? IN QUESTI GIORNI LE 6 ORE DI MARCO TULLIO GIORDANA ARRIVANO IN TV

«Se avrei accettato di uccidere Moro? No. La mia posizione è simile a quella di Adriana Faranda, che si oppose. Ma lo dico adesso, dopo 25 anni, dopo aver riflettuto…»

«Prendo qualche fregatura perché mi fido facilmente: sono stata fregata di recente da un elettricista, un ragazzo che consideravo amico»

Sansa Maya

INTERVISTA DI CESARE LANZA SU “CAPITAL”

E’ l’attrice dell’anno. Figlia di un italiano e di un iraniano. Ha compiuto ventotto anni a settembre. E’ nata a Roma, ha studiato a Cambridge e ha vissuto a lungo a Londra. Presto si trasferirà a Parigi per essere vicina al compagno che vive lì e, così, ricambiare il gesto di amore che ha già fatto lui, nell’ultimo anno, vivendo a Roma per essere vicino a lei. Al primo impatto mi sembra snob, e anche fredda, ma forse per timidezza. Mi ha dato appuntamento in una libreria-caffetteria a Trastevere: “Mi sembrava una bel luogo dove incontrarsi.” Decide di chiedere, dopo una scelta accurata, una tisana ai fiori di bosco. Si chiama Maya Sansa. Appartiene a una famiglia di giornalisti.
Che impressione le dà, il successo? Nelle piccole cose: ad esempio, nelle interviste.
“Non mi interessa apparire sui giornali, a meno che le notizie e le interviste non siano legate a un risultato del mio lavoro.”
Mi hanno detto che lei si sente molto “attrice”. Vorrei capire se questo significa un grande attaccamento, com’è naturale, al suo lavoro, o se si tratta di un problema di identità, anche nella vita privata.”
“Non nego che immergersi fino in fondo in un ruolo, con una continua ricerca per dare il meglio, possa procurare a un’attrice una lieve “schizofrenia” – lo scriva tra virgolette, però!”
Lasciando da parte l’attrice, che abbiamo scoperto al cinema, mi dica in poche parole
com’è Maya nella vita privata.
“Sono sincera. Meglio: integra. Nel senso che non tradisco me stessa. Se credo
in qualcosa, in alcuni valori, tento di non tradire i miei ideali. A volte non è facile.”
E poi?
“Sono brusca. Rischio di diventare categorica, proprio per la voglia di restare integra. C’è
un certo calvinismo nel mio carattere, forse più forte alcuni anni fa.”
E quali sono i suoi valori? Qual è il più importante?
“L’amicizia, un valore stabile.”
E l’amore? Può essere un sentimento stabile?
“Io credo di sì. Se finiscono amore e passione, ma si è trattato di sentimenti veri, resta
l’amicizia. Per me è sempre stato così. Purtroppo ci sono difficoltà, poi, a reggere un rapporto di amicizia, dopo l’amore. Per comprensibili gelosie di altri.”
E non crede che sia difficile arrivare a una vera amicizia, tra uomo e donna, senza
passare attraverso un rapporto intimo?
“Probabilmente è così. Fondamentale è la complicità, che quasi sempre nasce
dall’intimità.”
Lei parla di valori stabili e di storie che debbono durare. Posso dedurre che non è
disponibile a rapporti d’amore da blitz, a curiosità passeggere?
“Le curiosità ci sono, anche importanti. Ma ogni rapporto vero deve lasciare qualcosa.
Non deve essere superficiale. Può accendersi anche un rapporto immediato, a patto di intuire che si tratti di qualcosa di positivo. Non mi fanno paura le esperienze dolorose. Ci sono passata. Se si parte da sentimenti sinceri, non ho paura del dolore e non lo considero negativo.”
Tra i suoi successi c’è il film di Bellocchio su Aldo Moro, nel ruolo della Braghetti, la
ragazza che tenne in custodia l’ex presidente della democrazia cristiana, insieme con altri terroristi. L’epoca delle Brigate Rosse è estranea alla sua età. Per affrontare la parte, lei ha studiato, ha letto…
“Sì, molto. Per due lunghi mesi.”
Le chiedo: lei, nella realtà, avrebbe accettato di uccidere Moro?
“No. La mia posizione è simile a quella di Adriana Faranda, che si oppose. Ma lo dico
adesso, dopo venticinque anni, dopo aver riflettuto… Mi rendo conto di quanto fosse difficile tradire i compagni, o defilarsi. Ma avrei trovato un modo, credo, per non ucciderlo. Oggi anche gli ex brigatisti capiscono che si trattò di un errore, di un suicidio politico, al di là degli aspetti umani ovvii ed evidenti. Lasciare libero Moro, che aveva assunto forte criticità verso il “sistema” di cui era stato massimo esponente, sarebbe stato sul piano politico un atto strategico intelligente. Invece, giustiziando Moro, le Brigate Rosse di fatto si isolarono.”
Qual è l’aspetto migliore dell’essere attrice?
“Vivere vite diverse, avere l’opportunità di guardare l’esistenza dagli angoli più diversi.”
E l’aspetto negativo?
“Trovarsi in una situazione di lavoro frustrante.”
Potrebbe rompere il contratto…
“Non sono abbastanza ricca per concedermi questa libertà. E poi bisogna rispettare gli
impegni.”
I soldi sono importanti, per lei?
“Per tutti, direi. Per me non sono al primo posto. Ma disdegnarli è sbagliato, forse anche
un segno di ipocrisia.”
Potrebbe vivere serenamente anche senza il successo, dopo averlo assaggiato?
“Credo di sì. A patto di svolgere con soddisfazione personale il mio mestiere, ad alto
livello. Il giudizio del pubblico e della critica mi sta a cuore fino a un certo punto.”
E se non facesse l’attrice?
“Mi piacerebbe girare documentari, come regista e autrice, in un gruppo affiatato.”
Per amore, rinuncerebbe al lavoro?
“Non sarebbe vero amore, se fossi costretta a rinunciare al lavoro.”
Desidera un figlio?
“Certamente. Ma non adesso. So che lo vorrò e lo avrò.”
Mi ha detto di aver conosciuto il dolore…
“E’ così. Credo di non aver avuto un’infanzia facile. Mia madre, Cristina, una donna che
stimo molto – è mia amica – era triste, smarrita… Benchè si facesse chiamare “Sahajo”, che significa “spontaneità beata”, ha avuto una giovinezza tormentata. E i bambini, io sono figlia unica, avvertono queste cose. Succedeva che mi lasciasse da amici e con mia nonna, Livia, che peraltro adoro: una giornalista, una persona straordinaria, dolce e forte, comprensiva, importante. Sia chiaro però: mia madre è stata molto positiva per me, mi ha dato amore vero.”
I suoi genitori erano separati?
“Non si sono mai sposati. Il rapporto con mio padre è cominciato tardi, a quindici anni.
Adesso, con lui sto benissimo. Abbiamo fatto un bel viaggio insieme, da soli, in Francia.
Si considera diffidente?
“Al contrario. Prendo qualche fregatura perché, d’istinto, mi fido facilmente. Cose di
normale quotidianità: sono stata fregata di recente da un elettricista, un ragazzo che consideravo amico.
Timida?
“No. Ma certo non sono sfacciata.”
Un progetto per il futuro, in sintesi?
“Fare bene il mio lavoro senza tradire me stessa.”

dicembre 03

Be the first to comment on "SANSA (MAYA)"

Leave a comment