ALEXANDER (JANE)

Share

JANE ALEXANDER
CONFESSIONI DI UNA BRAVA CATTIVA

Eccola la perfida marchesa Lucrezia Von Necker. Dopo aver fatto soffrire Elisa di Rivombrosa (sta girando la seconda serie),  si rivela bellissima e provocante nel calendario 2005 di Capital. L’attrice, una vera inglese di Roma, si è spogliata non solo degli abiti. E qui racconta sogni ed emozioni di un amore “nomade” vissuto in tre (facendo impazzire il cronista). Perché a lei piace divertirsi: vedere per credere il backstage del servizio fotografico, tra Sacher torte, macchine del vento e guepiere. Ma cosa c’era tanto da ridere?

di Cesare Lanza

jane 001

“Ciao, Jane Alexander: bellezza affascinante anzi intrigante, maliziosa anzi provocante, sfrontata anzi sfacciata, audace anzi sfrenata… Ci siamo appena buttati alle spalle una calda estate. E sa cosa mi aspetto, ora?”
No.
“Mi aspetto che mi racconti, senza troppi veli, un episodio di un suo amore di questa estate. Un amore che l’abbia coinvolta. Che l’abbia turbata e presa di testa, di cuore, di corpo. Non importa che mi dica il nome, no. Mi basta che mi racconti la storia. In modo che i lettori di Capital possano, se vogliono, fantasticare e immedesimarsi.”
Certo, perché no? E le dirò anche il nome, prometto.
“Mi racconti, allora. Mi descriva questo fortunato, lui.”
Trent’anni, qualcosa di più. Occhi azzurri. Alto: più di un metro e ottanta.
Ma ciò che più mi ha colpito erano le braccia, braccia strepitose, da muratore. Braccia energiche, determinate, braccia che sanno quel che devono fare… Capelli castani. E la barba un po’ sfatta: quell’aspetto incolto in faccia che mi fa impazzire, sempre.
“Perché?”
Perché quando si arriva al bacio, la barba un po’ incolta dà una sensazione di fastidio e di piacere, un brivido, anzi una vertigine. Una ne esce graffiatella, un po’ marchiata.
“E cosa le ha detto, lui, per conquistarla?”
Mi ha proposto un blitz in Croazia.
“E lei?”
Ho accettato subito. A parte il piacere della compagnia, mi dava – con
intelligenza innegabile – l’occasione per tornare alle mie radici, nella mia terra.
“Alt! Cos’era prevalente: l’opportunità di tornare in Croazia o il fascino del corteggiatore?”
Debbo essere assolutamente sincera?
“E se no, che senso ha?”
Mi ha sedotto il suo modo di propormi le cose. E mi ha affascinato la
proposta, mentre viaggiavamo in auto, di fuggire poi in barca a vela, verso un’isola selvaggia, Ist, piccolissima, lontani da tutti. Pochissimi abitanti residenti, un piccolo molo, l’arrivo del pane è l’evento della giornata.
“Romantico.”
Insolito. Anche perché lui mi ha proposto, anziché l’aereo, un lungo
viaggio in macchina, da Roma. Scomodo, ma allettante… Con la possibilità di parlare, approfondire le cose…
“E com’è andato, questo lungo viaggio in macchina?”
Piacevole, lui ha una formidabile collezione di cd. Molta musica,
chiacchiere divertenti e interessanti, nei tempi giusti.
“Seducente, lui, con il fascino delle parole?”
E’ un uomo che sa cosa dire. Senza eccessi. Parla e ascolta. Sa
Ascoltare: dote importantissima, per il partner di qualsiasi donna.
“Sì. Capisco. Ma ha fatto avances?”
Fatto sta che con lui mi sentivo a mio agio… Non so come dire! Conosce quel piacere, condiviso, di scoprire che ti piacciono le stesse cose, dare una carezza, riceverla, guardarsi negli occhi, sfiorarsi, toccarsi? Lo sa?
“Mi scusi, le domande spettano a me. Insomma, avete raggiunto una condizione, diciamo così, di intimità. Quanto meno, psicologica.”
Non solo psicologica, per la verità.
“Si è creata una situazione amorosa, vuol dire? Erotica, sensuale?”
Sì. Sensazioni immediate. Due poli che si attraggono. Lui cerca la mia
mano, la mia mano è pronta. Lui sfiora le mie gambe, mentre guida, e le mie gambe reagiscono con un brivido, anche prima delle carezze, perché è quello che la mente si aspetta…
“E, mi scusi, non avete pensato di fermarvi, in un albergo, un posto qualsiasi lungo l’autostrada?”
Assolutamente no. Che idea! Beh, a ripensarci… Ma cerchi di capirmi:
era un’atmosfera magica, possiamo provare a definirla, se vuole.
“Vorrei, sì.”
Ecco: a nessuno dei due è venuto in mente di proporre all’altro/a di
fermarsi e di rifugiarsi in un’accogliente camera d’albergo. C’era il piacere del viaggio, della conversazione, della musica, del desiderio in crescita. Ma tutti e due,
ne sono certa, sapevamo che se uno dei due avesse fatto quella proposta, la proposta sarebbe stata accettata con entusiasmo.
“E, allora, perché non è successo?”
Per prenderci tutto il sapore, il gusto dell’attesa, penso.
“E fermarvi in macchina…no?
Lei è molto curioso. Cosa dirle? Un’ideuzza c’è stata… Anche perché la
macchina è bella, spaziosa. Ma per me è passato il tempo di fare l’amore in macchina. No: siamo andati via dritti, il tempo è volato, fino a Zara. Lì ci aspettava la barca a vela…
“Guidata da lui?”
Certo. E’ anche molto bravo. E io sono abituata a dare qualche aiuto.
“Soli, in mezzo al mare… A che livello era, la temperatura del desiderio?
Cosa pensava, lei? E lui?”
Lui, non so. Io, lo ammiravo. Lo guardavo, anzi me lo godevo,
guardandolo. Appassionato nel manovrare la barca, ma allo stesso tempo non distratto, non lontano da me…
“E che cosa, in particolare, l’attraeva?
La capacità di comprendere, l’intelligenza istintiva, la misura, la scelta
delle parole, la voglia improvvisa di abbracci, la fisicità, tutto, tutto… Sembravano momenti rubati, al mare, l’acqua, il sole, la natura, splendida natura, intorno a noi.
“ E poi…”
E poi, e poi! Posso dire ancora che ero affascinata dal suo stile nel vestire,
mi faceva tenerezza con quei bermudoni larghi sul ginocchio, di colore verde militare, la camicia di lino bianca… Un uomo meraviglioso. Mi capisca, io impazzisco per i particolari. I particolari, sono tutto, i particolari! Ad esempio, quei potenti avambracci, quelle vene forti, turgide, esplosive…
“ Capisco. Fisicità irresistibile.”
I particolari, le ripeto. Lo guardavo, scalzo, saltellare di qua e di là, con
eleganza. E ammiravo i suoi piedi. Un bel piede, davvero! Affusolato, non magro. Agile. Un piede su cui il corpo non sembra pesare. E con le unghie ben curate, non sarebbe neanche il caso di dirlo, naturalmente questo almeno è un particolare ovvio.
“E che cosa, di lei, attraeva lui? Almeno, secondo quanto lei possa capire…”
Forse perché non dico mai di no.
“Mai?”
Ogni proposta, qualsiasi cosa, era accettata con entusiasmo. Non a caso
dico entusiasmo. Si era creata quella magica situazione, di euforica ebbrezza, in cui
tutto ti appare entusiasmante, mangiare, bere, sentire il suo odore, dargli il tuo odore, guardarsi negli occhi, capire che si sta pensando nello stesso momento alla stessa maniera… Una coincidenza rara, di stati d’animo, che coltivi e difendi. Attimi preziosi, fuggenti, da cogliere, trattenere.. E proteggi, rispetto al mondo esterno. Il mondo esterno può celare insidie, anche il nostro mondo, ciò che amiamo, ciò che ci piace, ciò che è nostro… E può interferire, all’improvviso, nella magia.
“Non sono sicuro di aver capito.”
Eppure è semplice. Quella volta, ad esempio, quando è arrivato il
momento di fare l’amore. Quel giorno di agosto, in barca. Il momento è arrivato e tutti e due eravamo pronti, come mai: chi ha fatto l’amore, o meglio, preferisco dire chi sa fare l’amore, sa cosa voglio dire quando dico essere pronti. Arriva quel momento di prendersi e quel momento è, quello solo, non un momento prima, nè un momento dopo: non sarebbe la stessa cosa. Capisce ora?
“Capisco.”
E in quel momento è successo l’imprevisto. Perché mentre eravamo lì, e
chiunque può immaginare che cosa significhi lì, ebbene proprio in quel momento, né un momento prima né un momento dopo (e questa volta un momento dopo sarebbe stata una grazia, per noi due), abbiamo sentito dalla cabina vicina il pianto del bambino…
“Il bambino?!”
Sì, il bambino si era svegliato. Proprio in quel momento lì.
“Ma quale bambino?!”
Ma mio figlio, no? E se no, quale bambino?
“Ma come, Jane Alexander, lei si porta dietro il figlioletto, nelle storie
d’amore?”
E dove lo lascio, mio figlio? Che madre, sarei? Ma forse lei, mio caro, non
ha ancora capito: l’uomo con cui stavo facendo l’amore era mio marito, il mio adorato marito, nella nostra barca, nel bel mare di Croazia. E il primo ad accorrere dal bimbo è stato lui… E’ un padre tenerissimo.
“Ma questo, Jane Alexander, è un vero tradimento! Una vera beffa!”
Scusi, adesso sono io a non capire…
“Voglio dire: ci stavamo appassionando, ci stavamo coinvolgendo nella sua
torrida avventura estiva… e all’improvviso si scopre che il partner coinvolgente è il marito! Questo è un vero tradimento… Una beffa: per le nostre fantasie, la nostra immaginazione.”
Su, ora non la prenda cosi.
“E come, se no?”
Mai dire mai. In fondo, calendario a parte, vi ho fatto vedere come sono io, dentro… e cosa mi piace veramente, in un uomo. E domani, domani è un altro giorno.”

Capital settembre 2004

Be the first to comment on "ALEXANDER (JANE)"

Leave a comment

Share
Share